giovedì 20 giugno 2024     •  Login
 
   
 
   
   
   
 
 
Seleziona la lingua:Versione in italiano Versione in inglese
     
 
   Tenente Elio Di Lorenzo

Un eroe sconosciuto: il Tenente Elio Di Lorenzo di Campagna

 

Il tenente Elio di LorenzoIl Tenente Elio Di Lorenzo, campagnese, a cui è intitolata la gloriosa sezione dell’Associazione Nazionale Combattenti e Reduci (ANCR) di Campagna (SA) fu un giovane ufficiale dei Carabinieri Reali. Fu il carceriere di Benito Mussolini sul Gran Sasso, la prigionia del duce, sull’altopiano di Campo Imperatore (AQ), prima della rocambolesca liberazione da parte dei Tedeschi. Infatti, dopo la caduta del fascismo, con la riunione del 25 luglio 1943 e relativa mozione di sfiducia da parte del gran consiglio, Mussolini si dimise da capo del Governo e fu costretto a peregrinare in vari luoghi di detenzione, isolati e segreti. Al termine di questi spostamenti (varie caserme dei carabinieri, Ponza, isola d’Elba ed altri ancora), arrivò nei pressi di l’Aquila. Era in stato di fermo, o meglio, di arresto nell’albergo di Campo Imperatore sul Gran Sasso. La spettacolare liberazione del duce avvenne a ora di pranzo di domenica 12 settembre da parte di un gruppo speciale di paracadutisti tedeschi, 4 giorni dopo la firma dell’Armistizio dell’8 settembre 1943. Proprio in quel periodo, tra il 7 ed il 10 settembre 1943, il tenente Elio Di Lorenzo assunse, addirittura, il comando della Compagnia dei CC. RR., Carabinieri Reali, dopo la morte del suo comandante, Orlando De Tommaso, caduto nella battaglia contro i soldati nazisti nel quartiere della Magliana a Roma. Il nostro eroe, ai più sconosciuto, è seppellito nella sua Città di origine, nel cimitero di Campagna, dove sulla sua tomba è stata ripresa la foto.

 

Carmine Granito