giovedì 20 giugno 2024     •  Login
 
   
 
   
   
   
 
 
     
 
    
Seleziona la lingua:Versione in italiano Versione in inglese
 
 
     
     
 
   Alberto di Monaco nomina Cavaliere Carmine Granito
Il 17 novembre 2010, nella ricorrenza della Festa Nazionale, nella Sala del Trono del Palazzo dei Principi, Sua Altezza Serenissima Alberto II, sovrano di Monaco, ha elevato alla dignità di Cavaliere dell’Ordine dei Grimaldi, il giornalista Carmine Granito, nostro valido collaboratore.
L’importante onorificenza(con tanto di pergamena e medaglia) è stata consegnata alla presenza delle più alte autorità monegasche presenti nella Sala del Trono: le principesse Carolina e Stefanie, Charlotte, figlia di Carolina e la bellissima nuotatrice sudafricana Charlene Wittstock, futura consorte del sovrano di Monaco Alberto II che convoleranno a giuste nozze nei primi giorni di luglio 2011.
Il neo Cavaliere Granito, nonché nostro amico Carmine, in un’ intervista ci ha dichiarato: “Caro Giulio, ti prometto che se mi invieranno la partecipazione o dovessero invitarmi al matrimonio del secolo, tu e i lettori del sito sareste i primi a saperlo!”
Carmine continua:”Sono nato a Salerno il giorno di San Matteo di 44 anni fa, residente a Campagna, da qualche settimana mi sento anche un po’ suddito monegasco.”
Siamo noi a dirlo con un pizzico di orgoglio Carmine Granito era l’unico giornalista italiano ad essere premiato!
Come socio benemerito dell’Associazione della Polizia di Stato, il Presidente Nazionale dott. Claudio Savarese gli ha consegnato un attestato, alla presenza del Questore di Salerno, dott. Antonio De Jesu.
Come giornalista, nell’ambito della VI edizione del premio Culturale “Giovanni Palatucci”, alla presenza del figlio dell’eroe Giorgio Perlasca, “GIUSTO TRA LE NAZIONI”, Carmine Granito è stato decorato da Paola Saluzzi, conduttrice di SKY TG 24.
Carmine avviandosi alla conclusione della chiacchierata tra amici, afferma: “Ho vissuto giorni stupendi, da favola! ”
 L’ordine dei Grimaldi è una decorazione cavalleresca istituita nel Principato di Monaco il 18 novembre 1954dal Principe Ranieri III. Veniva concessa per ricompensare il personale di servizio ed i benemeriti verso il Principe e la sua Casata. Essa viene per tanto conferita ancora oggi su sola discrezione del principe reggente. L’ordine dispone di cinque classi di benemerenza:
1.    Cavaliere di Gran Croce
2.    Grand’Ufficiale
3.    Commendatore
4.    Ufficiale
5.    Cavaliere

Per l’anno 2010 ecco l’elenco completo ufficiale degli insigniti dell’Ordine dei Grimaldi:

Au grade de Commandeur
Landoaldo De Mojana di Cologna, ancien consul de Monaco a Milan; Fernanda Palici, epouse Casiraghi, presidente de l’Accademia Italiana della Cucina.

Au grade d’Officier
Christian Dorda, consul honoraire de Monaco en Autriche; Gerhard Eisenbach, consul honoraire de Monaco à Francfort-sur-le-Main; Michel Gorzala, assistant à Notre Service d’ Honneur;

Au grade de Chevalier
Oliver Fauquier, capitaine de gendarmerie française; Carmine Granito, journaliste; Lofti Maktouf, directeur de société; Isabelle Manucci, épouse Casarano, archiviste au cabinet princier; André Petillot, colonel de gendarmerie française; Mauro Sciancalepore, ancien chef cuisinier, Yves Treguer, Administratoreur aux thermes marins de Monte-Carlo; Jean-Luc Vieilleville, chef d’escadrone, commandant l’escadron départemental de sécurité routière des Alpes-Maritimes («Nice Matin»- Venerdì 19 Nov. 2010) e Journal de Monaco-Bulletin Officiel de la Principauté.
 
Sono trascorsi 13 anni dal 700° anniversario dell’arrivo dei Grimaldi a Monaco e all’inizio del terzo millennio il Principe Alberto II continua l’operato dei suoi antenati fedele al loro motto: “Deo Juvante”.
Tutte le belle cose che si dicono sono solo il riflesso di una realtà molto più attraente; di un paese, il cui posto nella storia ed il cui sviluppo culturale sono superiori di gran lunga all’esiguità della superficie; un centro di civiltà mediterranea, un esempio dell’attaccamento alla propria terra da parte di una dinastia e di un popolo, con l’aiuto di Dio, come recita il motto dei Principi di Monaco.